Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

musica all’alba

05:05 07:00

 

Show attuale

musica all’alba

05:05 07:00

 

Background

Troina: Buono tra i curatori della versione in italiano del manuale sulla disabilità intellettiva

Scritto da il 17/11/2022


Il professore Serafino Buono, direttore dell’UOC di Psicologia dell’IRCCS Oasi, componente del gruppo ristretto di esperti del Comitato Consultivo Internazionale dell’“American Association on Intellectual and Developmental Disabilities” (AAIDD), è il curatore, assieme al prof. Luigi Croce, della versione italiana della 12a edizione dell’“Intellectual Disability: Definition, Diagnosis, Classification, and Systems of Supports”.

Il manuale è prodotto dalla prestigiosa e autorevole AAIDD, organizzazione professionale senza scopo di lucro, fondata nel 1876 negli Stati Uniti.

L’importante e fondamentale manuale rappresenta un punto di riferimento indispensabile per quanti operano nel campo della disabilità intellettiva, termine che ormai dal 2007 ha sostituito quello di ritardo mentale.

L’opera, da poco disponibile in italiano, rappresenta un manuale aggiornato basato sulle recenti evidenze scientifiche inerenti il costrutto di disabilità intellettiva, la definizione, i criteri diagnostici, la classificazione e i sistemi di supporto, che la comunità deve fornire alle persone e alle loro famiglie.

“La 12esima revisione – afferma il prof. Buono – definisce meglio e precisa ulteriormente i criteri diagnostici e le procedure di assessment. La classificazione della disabilità intellettiva non viene più definita a partire dal quoziente intellettivo, ma in base alle limitazioni nel funzionamento adattivo e all’intensità dei sostegni necessari in relazione ai bisogni personali. Il brillante lavoro di sintesi delle nuove evidenze scientifiche svolto da Robert L. Schalock, Ruth Luckasson e Marc J. Tassé (importanti e noti esperti di fama internazionale) ha contribuito – conclude il prof. Buono – a produrre uno strumento agile, ma denso di indicazioni indispensabili per quanti si occupano, a diverso titolo, della disabilità intellettiva”.



Source link