LIVE RADIO

Studiodue Music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

SUMMERTIME

18:00 20:00

 

Show attuale

SUMMERTIME

18:00 20:00

 

Background

Recensione: SUEDE – “Autofiction” – Newsic.it

Scritto da il 18/09/2022


Altro che finzione, è tutto vero: i Suede sono tornati con Autofiction, un album che a trent’anni esatti dal loro esordio, li conferma una delle band più riuscite degli anni Novanta, in grado di scavalcare con stile e coerenza il decennio d’oro del britpop.

Nel mio personalissimo immaginario musicale, un po’ contro la diffusa etichettatura che li ha giustamente inseriti nell’Empireo musica britpop, i Suede sono sempre stati avulsi da questa definizione. Non saprei spiegare che cosa non mi ha mai convinto fino in fondo della loro britpopness. La verità è che li ho sempre percepiti come più intellettuali, più altolocati, più nobili dei loro colleghi. Detto tra noi, una spanna sopra. Mi bastava ogni volta guardare un’immagine di Brett Anderson per confermarmi da sola questa tesi.

Ne sono ancora convinta, ed ora che ultimi stridori della chitarra di Richard Oaks in “Turn Off The Brain and Yell” mi accompagnano verso la fine di Autofiction, l’ultimo lavoro della band inglese, ancora di più. A trent’anni esatti dal lancio del loro primissimo singolo ” Downers”, prodotto tra l’altro dallo stesso Ed Buller che ha lavorato all’ultimo album, i Suede si dimostrano ancora una volta sorprendentemente al di sopra. Che non significa certamente migliori, ma incorruttibili e solidi nel portare avanti negli anni quello stile che li ha resi unici.

Autofiction è l’album più punk di tutti quelli sino ad ora pubblicati, a detta dello stesso Brett Anderson. Io penso che a loro modo, ogni disco dei Suede sia stato più punk del precedente, persino il loro flop “A New Morning”, se diamo a “punk” una definizione meno strettamente musicale e più ampia del termine. Il grande merito dei Suede è essere sopravvissuti: a loro stessi, e ai tempi che sono cambiati – non sempre in meglio. 

Con Autofiction, i Suede varcano la soglia di un nuovo decennio tagliando di netto il flusso musicale che sempre più spesso procede in maniera unidirezionale. Loro vanno per la loro strada, con un disco che è veramente un’estasi ritrovata per i fan della vecchia guardia: rassicurante e allo stesso tempo dirompente. Sound potente, sofisticato e graffiante, a tratti lacerante, con la voce di Anderson a fare da guida in un tripudio di suoni talmente vivi e presenti che non sfiorano, nè accarezzano, ma colpiscono e penetrano a fondo. 

I cinque sembrano essere in stato di grazia: ogni elemento è quello giusto, al punto giusto e al momento esatto. E’ un disordine bilanciato e fluido, non certo caotico, che non distrae dai dettagli ma fa in modo che ogni cosa sia esposta e valorizzata al punto giusto.

Niente artefatti, fiocchi, abbellimenti: Autofiction è un disco senza abiti, in preda alla propria nudità. 

Nessuno rimpiangerà il passato dei Suede, nessuno invocherà i tempi andati, c’è da scommetterci.

SCORE: 8,50

TRE BRANI DA ASCOLTARE SUBITO:

Still Leads Me On – Drive Myself Home – Turn Off Your Brain And Yell

TRE BRANI DA SKIPPARE SUBITO

Non pervenuti!

QUOTES:

Listen…Sometimes justWhen I think of other thingsOther thingsThink about…I still

When I think of all the things my mother saidWhen I think of all the feelings I hid from herOh, in many, many ways, I’m still a young boyWaiting patiently for 4 p.m.

But I loved her with my last breathAnd I loved her with a love that was strong as deathAnd I loved her when she was unkindAnd I loved her, I loved her, a dangerous mind

Sometimes when I look up at the skyShe leads me on, she still leads me onSometimes when I stare up at the ceilingShe leads me on, she still leads me on

I wonder if her touch will ever fadeIs she waiting in the garden for us to playYes, in many many ways I’m still a young boyWith all those questions in my petrol-blue eye

But I loved her with my last breathAnd I loved her with a love that was strong as deathAnd I loved her when she was unkindAnd I loved her, I loved her, with a dangerous mind

Sometimes when I look up at the skyShe leads me on, she still leads me onSometimes, oh, when I just feel like screamingShe leads me on, she still leads me on

Sometimes when I don’t know what is mineShe leads me on, she still leads me onSometimes when I can’t control my feelingsShe leads me on, she still leads me on

One, twoSometimes when I look up at the skyShe leads me on, she still leads me on

(Still Leads Me On)

TRACKLIST

DISCOGRAFIA

1993 – Suede
1994 – Dog Man Star
1996 – Coming Up
1999 – Head Music
2002 – A New Morning
2013 – Bloodsports
2016 – Night Thoughts
2018 – The Blue Hour
2022 – Autofiction

VIDEO

WEB & SOCIAL

instagram.com/suedehq





Source link