Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

lunch week show

12:05 15:00

 

Show attuale

lunch week show

12:05 15:00

Background

Recensione: MEG – “Vesuvia”

Scritto da il 02/10/2022


Meg stupisce sempre. Io ogni volta che l’ascolto penso sia la gemella di origine vulcanica di Bjork. 

Meg vede oltre e ancora una volta, con questo suo nuovo disco “Vesuvia”, miscela lo spirito partenopeo delle sue origini con le influenze sonore e i beat elettro internazionali. 

Le 12 tracce del disco si sono stratificate mese dopo mese e poi, a causa della pandemia, sono rimaste a lungo protette in un magma incubatore fino al momento del risveglio, quando, come in un’eruzione vulcanica improvvisa, in una manciata di mesi hanno dato vita a VESUVIA: il magma ha assunto un’identità propria, definita e forte che ha nutrito e guidato MEG con tutta la sua irruenza e potenza.

Spesso siamo troppo impegnati per ricordarci che siamo stati chiamati su questa terra per la sacra danza della vita.
‘Vesuvia’ mi ricorda di danzare e di cercare di rendere la mia danza contagiosa.

Sono cresciuta alle falde del Vesuvio, la sua sagoma è casa e sento il suo richiamo sempre, anche quando sono dall’altra parte del mondo. Lo sogno di notte in maniera ricorrente: sin da bambina sono ossessionata da lui, è una presenza imponente nella mia coscienza ed è parte indissolubile di me.

Ogni sua zolla, ginestra, sentiero, è come se fossero mia cellula, capello, ruga. È mia madre e mio padre.
Da quando ho aperto gli occhi lui è il mio imprinting.”.

Tra i brani c’è la sorellanze, quella di Aquila, pezzo spettacolare nei suoni che contiene i preziosi feat. di Elisa ed Emma.

Aquila racconta di sorellanza. Di quelle amiche-sorelle che sono fonte di ispirazione costante e ti sorreggono quando ne hai bisogno. Volevo cantarla insieme ad Elisa ed Emma per creare una sorta di triangolo magico: tre streghe buone che si incontrano intorno a un fuoco, in una foresta, e ballano, si raccontano, ridono, cantano, piangono, si guardano negli occhi e si riconoscono, pur essendo così diverse.
La voce di Elisa è aria, acqua, quella di Emma è roccia e fuoco.

Insieme, le nostre voci diventano un unico coro in cui confluiscono tutti gli elementi, in cui gli opposti si completano, proprio come accade nelle amicizie più indissolubili e vere.”.

C’è Non ti nascondere una vera e propria poesia esistenziale, un elogio dell’unicità, Napolide drum and bass con il feat del talento hard neomelodic NZIRIA, FORTEFRAGILE, una celebrazione dell’affascinante natura umana che oscilla tra fragilità e tenacia, c’è Arco e Frecce feat. Altea, Alice, SANO e specchiopaura dei Thru Collected, un vero e proprio “stream of consciousness” in cui Meg ha immaginato di addentrarsi in una selva oscura e She’s calling me pezzo intimo di passione e pulsione dove alterna cantato in napoletano e in inglese ed ad accompagnarla c’è la talentuosa pianista francese Katia Labèque.

Meg per fare il lavoro si è fatta aiutare dai più visionari produttori della scena italica come Frenetik, Orang3, Fugazza, Suorcristona, Tommaso Colliva e David Chalmin.

“Vesuvia” è uno dei dischi più contemporanei e all’avanguardia della scena musicale italiana.
Una miscela elegante tra drum and bass, trip hop, elettronica e nuovi suoni. 

Un vero e proprio alzare l’asticella. 

SCORE: 8,00

DA ASCOLTARE SUBITO

Aquila – Arco e Frecce – Fortefragile 

DA SKIPPARE SUBITO 

Io non ho skippato nulla…

TRACKLIST

DISCOGRAFIA 

2004 – Meg
2008 – Psychodelice
2015 – Imperfezione
2022 – Vesuvia

VIDEO 

WEB & SOCIAL 

Website: www.m-e-g.it
Instagram: www.instagram.com/meg_muzic
Facebook: www.facebook.com/meg.multiformis
Twitter: twitter.com/meg_muzic

L’articolo Recensione: MEG – “Vesuvia” proviene da Newsic.it.





Source link