LIVE RADIO

Studiodue Music

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Italian music show

05:00 09:00

 

Show attuale

Italian music show

05:00 09:00

 

Background

PINK FLOYD e DAVID GILMOR rimuovono tutte le canzoni dalle piattaforme digitali in Russia e Bielorussia

Scritto da il 11/03/2022


PINK FLOYD e DAVID GILMOR rimuovono tutte le canzoni dalle piattaforme digitali in Russia e Bielorussia

I Pink Floyd hanno deciso di rimuovere parte del loro catalogo musicale dalle piattaforme di musica digitale in Russia e Bielorussia.

Per condannare l’invasione russa dell’Ucraina, le opere dei Pink Floyd, dal 1987 in poi, e tutte le registrazioni da solista di David Gilmour sono state rimosse da tutti i fornitori di musica digitale in Russia e Bielorussia da oggi. 

La produzione musicale che scomparirà dalle piattaforme russe e bielorusse include gli album in studio dei Pink Floyd A Momentary Lapse of Reason (1987), The Division Bell (1994) e The Endless River (2014). Gilmour ha anche pubblicato quattro album in studio da solista nella sua carriera, il più recente è stato Rattle That Lock del 2015.

All’inizio di questo mese, Gilmour ha mostrato il suo sostegno all’Ucraina con un messaggio su Twitter:

Soldati russi, smettetela di uccidere i vostri fratelli. Non ci saranno vincitori in questa guerra. Mia nuora è ucraina e le mie nipoti vogliono visitare e conoscere il loro bellissimo paese. Smettila prima che sia tutto distrutto. Putin deve andare”.

Roger Waters, che ha lasciato i Pink Floyd nel 1985, ha condannato anche la Russia e l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Putin.

Sono disgustato dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, secondo me è un errore criminale, l’atto di un gangster, ci deve essere un cessate il fuoco immediato”, ha scritto questa settimana in una lettera aperta a un fan ucraino.

Farò tutto il possibile per contribuire alla fine di questa terribile guerra nel vostro paese, qualsiasi cosa sia tranne sventolare una bandiera per incoraggiare il massacro”.

IL POST



Source link