Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

just beat

00:05 02:00

 

Show attuale

just beat

00:05 02:00

 

Background

HATE MOSS – “Dei Buoni Dei” [Guarda in esclusiva il nuovo video]

Scritto da il 09/11/2022


Esce oggi, in anteprima su Newsic.it, il nuovo video degli Hate Moss Dei buoni Dei.

Quando abbiamo scritto -Dei buoni Dei- volevamo rendere l’ascoltatore empatico nei confronti di chi soffre uno dei drammi del nostro tempo.
 Le morti nel mediterraneo sono il risultato di politiche scorrette, reminiscenze coloniali unite ad un capitalismo estremo.
Per quanto crediamo di esserne fuori, ognuno di noi contribuisce ad alimentare il problema e per questo pensiamo che il minimo che si possa fare è prendere coscienza indicando la via del rispetto.
Mi verrebbe da chiamarlo, Attivismo indiretto.”

IL VIDEO 

Il video è stato girato nella “City” di Barcellona, dove questo personaggio “Yuppie” durante una sorta di crisi esistenziale, viene abitato da tre liquidi fondamentali: Acqua, Sangue e Petrolio.
Video diretto da Ian Carvalho.

IL TESTO

Questo è il giorno In pieno inverno
Che salgo sulla barca
Due anni di deserto
E una vita a scappar
Ma oggi finalmente
Gli Dei mi voglion bene
Futuro oltre il mare
La fin delle mie pene
Le mie mani hanno imparato
E son disposte a lavorar
La mia schiena lo dimostra Nonostante la mia età
La barca ora si muove
Gia sento odor di terra
La spinta delle onde
Ci allontana dalla guerra
Mio frate sarà fiero
Mia madre lo sarebbe
A veder tutta quest’acqua
Chissà cosa direbbe
Mi prenderebbe in giro
Perché non so nuotare
Mi batte forte il cuore
A doverlo ricordare
Ma oggi è un bel giorno
La fin delle mie pene
Gli dei mi voglion bene
Gli dei mi voglion bene
Freddo nelle ossa
Il cielo è stellato
Tra stanchezza e fame
Mi sono addormentato
Dormire in mezzo al mare
Fa fare sogni strani
La barca si allontana
Ho l’acqua nei polmoni
È la fin delle mie pene
Gli Dei son stati buoni

IL DISCO

Registrato tra Regno Unito, Italia e Turchia, “NaN” è il secondo album del duo Italo-Brasiliano Hate Moss.
In informatica, NaN (/næn/), acronimo di Not a Number, rappresenta un gruppo di dati che possono essere interpretati con un valore indefinito o non rappresentabile. NaN rappresenta il tema principale dell’album e si concentra sul tema dell’alienazione derivata dal trattare la vita umana come il risultato di un freddo calcolo.

Musicalmente le radici di NaN si alimentano dell’influenza di artisti onnivori, soprattutto nell’ambito elettronico. Gli ascolti del duo si stratificano tra Prodigy e Massive Attack fino ai Death Grips e ai Dead Can Dance, insieme ai grandi cantautori della tradizione italiana, come De Andrè, ed ai compositori della MPB (musica popular brasileira), come Caetano Veloso, dai quali hanno sicuramente appreso l’importanza della narrazione attraverso i testi.

A tutto ciò, solo apparentemente in contrapposizione, bisogna aggiungere anche l’influenza dei nuovi beat del funk di Rio, le chitarre drone ed i flauti turchi per sottolineare che per gli Hate Moss esistono dei luoghi o dei generi di riferimento, piuttosto che band di riferimento.
Il sincretismo culturale, già presente nel loro primo lavoro, si accentua in NaN attraverso la scelta puramente stilistica della musicalità della lingua con cui si esprimono. In questo album le lingue madri, Portoghese e Italiano, si alternano all’Inglese, specchio del luogo che li ha accolti e li ha resi quello che sono oggi. In questo processo si aggiunge per la prima volta una canzone in turco, a voler sottolineare l’importanza che riescono ad avere i luoghi in cui hanno avuto il piacere di suonare.
Rispetto all’album di debutto, la scelta di utilizzare un approccio musicale più immediato non ha implicato la rinuncia ad affrontare tematiche socialmente rilevanti, anzi in NaN i testi assumono notevole importanza, fornendo all’ascoltatore un mezzo semplice per comprendere un messaggio più profondo.

Nella stesura dei temi toccati da NaN gli Hate Moss si sono focalizzati su degli aspetti della vita umana che vengono spesso ridotti a freddi calcoli.

Partendo da Neve, in cui si racconta la difficoltà del lutto e il senso di totale impotenza, passando per Pensar, brano in cui si vuole sottolineare, attraverso una musica orecchiabile e canticchiabile, l’ingiustizia sociale e l’importanza del singolo nella lotta al cambiamento.

Segue Dei buoni dei, che ha voluto essere un cazzotto nello stomaco: una storia tristemente comune sulle morti nel Mediterraneo, narrata ispirandosi allo stile dei trovatori con un ritmo frenetico. Sempre alla ballata, si ispira Eremita, che in maniera più ermetica rispetto ai testi precedenti, vuole sottolineare le difficoltà, sempre crescenti, che si riscontrano nel comunicare, a tutti i livelli tra singoli individui, tra culture, tra stati.
Al tema dello scontro, si aggancia Birdaha. Qui subentra la fisicità del disaccordo: si racconta un episodio in cui alla fine di un concerto la richiesta di svariati bis, in turco per l’appunto Birdaha, si trasforma in pochissimi attimi in una rissa incontrollata.
Con Fog, torniamo in maniera più astratta ai temi dell’ingiustizia, questa volta protagonista è la società in cui viviamo, che ci sfrutta e ci controlla facendoci credere di star facendo tutto soltanto per il nostro bene, in una spirale infinita in cui ci è impossibile scegliere da che parte stare. 
Peonia è una canzone d’amore, in quanto sentimento imprescindibile dell’animo umano.
Un sentimento così forte e puro, che nonostante tutte le difficoltà, ci porta a fare la cosa giusta.
La chiusura dell’album è affidata a Stupid Song.
Il tema è il suicidio e nella canzone, che è quasi una parodia di sé stessa, si sovrappongono ritmi allegri a parole che cercano una fuga dal disagio, creando una situazione grottesca.

ASCOLTA IL DISCO 

ABOUT HATE MOSS

Nel 2017 Tina e Ian si sono incontrati a Londra (Regno Unito) dove hanno deciso di avviare un’etichetta indipendente, la Stock-a Records, diventata poi Stock-a Production, un collettivo con l’obiettivo principale di supportare artisti emergenti.

La loro collaborazione si è trasformata in un progetto musicale nel 2018 quando hanno lanciato il loro primo singolo “Honey”, seguito da vari tour in Brasile, Italia e Regno Unito. Il loro primo album, “LIVE TWOTHOUSANDHATEIN”, è stato pubblicato a maggio 2019 attraverso la loro etichetta e li ha portati a presentare il loro lavoro in Spagna, Portogallo e Turchia, nonché a festival internazionali come la Biennale di Venezia (IT), Locomotiva Festival (BR) e Goiania Noise (BR) dove hanno condiviso il palco con artisti di fama underground come Rakta, Boogarins e Ratos de Porão.

Nel 2020, a causa della pandemia e delle conseguenze causate dalla Brexit, la band è stata costretta a tornare in Italia, dove ha deciso di concentrarsi sul suo nuovo album che vedrà la luce nel 2022.

WEB & SOCIAL 

www.hatemoss.com
www.instagram.com/hatemossband
www.stock-a.com





Source link