Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

lunch week show

12:05 15:00

 

Show attuale

lunch week show

12:05 15:00

Background

Enna: al Garage live dei Tuktu and the Belugas Quartet

Scritto da il 18/11/2022


Il Garage Arts Platform di Enna Bassa presenta sabato il live di “Tuktu and the Belugas Quartet”, che sonorizzeranno dal vivo il documentario “Bioluminescent Creatures of the Deep Sea”. L’inizio della performance è fissata per le ore 21. Porte aperte dalle 20. Durante la serata è visitabile anche la mostra in corso TRAJECTORY ISLAND, dedicata all’ossidiana, dell’artista danese-americana Sara Kramer. L’ingresso è libero con tessera garage 22-23.

I Tuktu and the Belugas Quartet sono una formazione musicale romana composta da Andrea Rinaldi (chitarra elettrica) e da un quartetto di beluga (effetti a pedale e voci).

Il progetto nasce nel 2017 ed il focus principale consiste nella sonorizzazione dal vivo di documentari naturalistici, il suono viene interamente processato dal vivo senza l’uso di elementi preregistrati ed accompagna il documentario definendone la tonalità emotiva. Il loro set è composto da una chitarra elettrica e 25 effetti a pedale (octaver, harmonizers, synth per chitarra, fuzz, overdrive, valvolari, delay, loopers), una piccola orchestra in cui il crepitio dei fuzz si unisce al canto sottomarino delle beluga.

Al garage proporranno la sonorizzazione dal vivo del documentario “Bioluminescent Creatures of the Deep Sea”.

“È stato accertato – fa sapere il gruppo – che in molti organismi viventi, la bioluminescenza implica l’azione di almeno due composti chimici: un substrato organico che emette la luce, chiamato ‘luciferina’, e un enzima catalizzatore chiamato ‘luciferasi’. Nella maggior parte dei casi il fenomeno è appunto dovuto alla luciferina, che in presenza di adenosintrifosfato, magnesio e dell’enzima luciferasi, cede elettroni, i quali, passando ad un livello minore di energia, liberano energia sotto forma di luce.”

I Tuktu and the Belugas Quartet raccoglieranno questa energia per trasporla in musica accompagnando il pubblico negli abissi marini rischiarati dai bagliori del Pesce Lanterna, dell’Anguilla Abissale, del Pesce Ascia, del Drago di Mare Nero del Pacifico e della Macropinna Microstoma.



Source link